No alt text defined

Condizioni generali di utilizzo di la carta di debito Mastercard 

I. DISPOSIZIONI GENERALI

1. Possibilità di utilizzo (funzioni)

La carta di debito Mastercard (di seguito denominata la "carta") può, a seconda dell'accordo, svolgere una o più delle seguenti funzioni:

  • prelievo di contanti presso gli sportelli automatici in Svizzera e all'estero (cfr. paragrafo II);
  • versamento di contante presso gli appositi dispositivi automatici della banca (cfr. paragrafo II);
  • pagamento di beni e servizi nel commercio stazionario in Svizzera e all'estero o online (su Internet, per telefono ecc.) (cfr. paragrafo II);
  • prenotazione online di servizi (p. es. hotel, viaggi, noleggio di veicoli, ecc.) ;
  • servizi complementari a seconda della banca emittente (cfr. paragrafo III).

2. Conto bancario

La carta è sempre associata a un determinato conto (di seguito denominato "il conto") presso la banca emittente (di seguito denominata "la banca").

3. Aventi diritto alla carta

Hanno diritto alla carta il titolare del conto, un procuratore o una persona designata dal titolare del conto. La carta è intestata all'avente diritto alla carta.

4. Proprietà

La carta rimane di proprietà della banca.

5. Spese

La banca ha il diritto di addebitare al titolare del conto, sulla base di una comunicazione adeguata, le spese per l’emissione e l’autorizzazione della carta, nonché per l'elaborazione delle transazioni effettuate tramite la carta e i costi relativi a tali transazioni. La banca ha la libertà di modificare o introdurre nuove commissioni. Tali modifiche devono essere comunicate conformemente al punto I.12 seguente.

Le tariffe in vigore sono disponibili su richiesta presso la banca o direttamente sul suo sito web.

Queste commissioni vengono addebitate sul conto a cui è associata la carta.

Queste commissioni vengono addebitate sul conto per il quale viene emessa la carta.

6. Doveri di diligenza dell'avente diritto alla carta

L'avente diritto alla carta assume in particolare i seguenti doveri di diligenza:

  1. Conservazione
    La carta e il PIN (numero di identificazione personale) devono essere conservati con cura e separatamente.

  2. Riservatezza del PIN e di tutti gli altri mezzi di identificazione
    Il PIN, il codice 3-D Secure e ogni altro mezzo di identificazione devono essere tenuti segreti e non possono in nessun caso essere comunicati a terzi dall'avente diritto alla carta o resi accessibili. In particolare, il PIN e il codice 3-D Secure non devono essere annotati sulla carta né conservati insieme ad essa, neppure in forma modificata. La banca non richiederà mai all'avente diritto alla carta di trasmettere il proprio PIN o codice.

  3. Obbligo di utilizzo dei metodi di pagamento sicuri (3-D Secure)
    L'avente diritto alla carta è tenuto a effettuare i pagamenti presso un punto di accettazione della carta optando per il metodo di pagamento sicuro (3-D Secure) se il punto di accettazione in questione offre questa possibilità. Se il punto di accettazione della carta non offre questa possibilità e l'avente diritto alla carta procede comunque al pagamento, riconosce di farlo a proprio rischio e di non poter rivalersi contro la Banca per qualsiasi danno derivante.

  4. Non trasferibilità della carta
    Qualsiasi PIN modificato dall'avente diritto alla carta non deve essere costituito da una combinazione facile da indovinare (come numero di telefono, data di nascita, numero di immatricolazione del veicolo, ecc.).

  5. Intransmissibilité de la carte
    L'avente diritto alla carta non può trasferire la propria carta ad altre persone. In particolare, non deve né consegnarla né renderla accessibile a terzi.

  6. Annuncio immediato in caso di smarrimento
    Se l'avente diritto alla carta smarrisce la propria carta, se questa gli viene sottratta, se dimentica il proprio PIN, se presume un uso improprio della propria carta o quando la carta viene trattenuta da un distributore automatico (cfr. anche cifre II.9 e II.14), deve informare immediatamente il servizio competente della banca.

  7. Obbligo di controllo e segnalazione di irregolarità
    Il titolare del conto è tenuto a verificare gli estratti conto al momento del ricevimento e a comunicare immediatamente alla banca eventuali irregolarità, in particolare gli addebiti a seguito di un uso improprio della carta, ma al più tardi entro 30 giorni dal ricevimento dell'estratto conto del rispettivo periodo contabile. Deve inoltrare alla banca il modulo di avviso di danno debitamente compilato e firmato entro 10 giorni dal ricevimento.

  8. Notifica alla polizia in caso di danno
    Se sono stati commessi atti punibili, l'avente diritto alla carta deve contribuire all'esame del caso, nonché alla riduzione del danno, e presentare denuncia all'autorità competente.

7. Copertura

La carta può essere utilizzata solo se la copertura necessaria (credito o limite di credito consentito) è disponibile sul conto al momento della transazione. Quando un importo viene riservato tramite carta (p. es. cauzione per il noleggio di un veicolo), viene detratto dal limite della carta e dal credito disponibile, con conseguente restrizione del prelievo di denaro dal conto. Un importo riservato può rimanere contabilizzato fino a 31 giorni di calendario sul conto.

8. Diritto di addebito della banca

La banca ha il diritto di addebitare sul conto del titolare tutti gli importi derivanti dall'utilizzo (secondo la cifra I.1) della carta (cfr. cifra II.9).

La banca conserva il diritto di addebito anche in caso di controversie tra l'avente diritto alla carta e terzi.

Gli importi in valuta estera sono convertiti nella valuta del conto. Nonostante il controllo del conto al momento del pagamento, può accadere, a seconda del tasso di cambio al momento della contabilizzazione, che la contabilizzazione definitiva comporti un saldo negativo.

Può anche accadere, per motivi indipendenti dalla banca, che una transazione venga contabilizzata con un ritardo di alcuni giorni o addirittura settimane. In tal caso, l'importo rimane dovuto dall'avente diritto alla carta e viene applicato alla data valuta della transazione iniziale.

9. Validità e rinnovo della carta

La carta è valida fino alla fine del mese indicato sulla carta. Nell'ambito della normale elaborazione e in assenza di espressa rinuncia da parte dell'avente diritto alla carta, la carta viene automaticamente sostituita con una nuova prima della scadenza della data indicata sulla carta. Se l'avente diritto alla carta non ha ricevuto una nuova carta 10 giorni prima della scadenza della carta in suo possesso deve avvisare la banca.

10. Disdetta

Ciascuna parte può disdire i rapporti contrattuali in qualsiasi momento. La revoca di una procura ai sensi del punto I.3 equivale a una disdetta. A seguito della disdetta, l’avente diritto alla carta deve restituire immediatamente e spontaneamente la carta alla banca o renderla inutilizzabile distruggendola (p. es. tagliandola).

Una richiesta anticipata di restituzione o una restituzione anticipata della carta, nonché una distruzione anticipata della stessa, non dà diritto al rimborso della quota annuale.

Nonostante la disdetta, la banca rimane autorizzata ad addebitare sul conto tutti gli importi derivanti dall'utilizzo della carta prima della restituzione o della distruzione della stessa.

11. Trasmissione dei dati

L'avente diritto alla carta autorizza la Banca a richiedere tutte le informazioni necessarie per l'esame e l'ottenimento della carta presso i servizi competenti e la centrale per informazioni di credito (ZEK), nonché a notificare a quest'ultima qualsiasi blocco in caso di ritardo di pagamento accertato o di uso fraudolento della carta. Inoltre, il Titolare autorizza la Banca a comunicare a terzi i dati necessari alla produzione della carta.

12. Disposizioni contrattuali

Si applicano all'avente diritto alla carta al più tardi al momento dell'utilizzo della carta emessa dalla banca:

  • le presenti condizioni di utilizzo;
  • le tariffe applicabili al momento dell'utilizzo della carta;
  • le altre disposizioni e condizioni contrattuali della banca sottoscritte dal cliente, o consegnate elettronicamente dalla banca.

(denominate le "disposizioni contrattuali" nel presente documento).

Per il resto si applicano le Condizioni Generali della Banca.

13. Modifiche e comunicazione delle disposizioni contrattuali

La banca si riserva il diritto di modificare le possibilità di utilizzo della carta, nonché le disposizioni contrattuali in qualsiasi momento. Le modifiche vengono comunicate in forma adeguata. In linea di principio, non sono oggetto di un parere individuale. Qualsiasi modifica si considera approvata quando la carta viene utilizzata dopo l’entrata in vigore della modifica interessata.

Le disposizioni contrattuali in vigore sono disponibili su richiesta presso la banca o direttamente sul suo sito web.

14. Foro competente e legge applicabile

Il luogo di esecuzione, il foro di esecuzione (quest'ultimo solo per il Titolare con domicilio/sede all'estero), nonché il foro giudiziario esclusivo per qualsiasi controversia derivante dal presente contratto relativo alla carta di debito Mastercard sono a Ginevra. La Banca si riserva il diritto di intraprendere azioni legali contro l’avente diritto alla carta dinanzi al Tribunale del suo domicilio/sede o a qualsiasi altro tribunale competente. Il contratto relativo alla carta di debito Mastercard è soggetto al diritto svizzero.

15. Condizioni generali

Per il resto valgono le Condizioni Generali della banca.


II. LA CARTA COME CARTA DI PRELIEVO O DI PAGAMENTO DI CONTANTI E DI PAGAMENTO

1. Funzione di prelievo contanti

Mediante il PIN, la carta consente il prelievo di contanti presso gli sportelli automatici designati a tale scopo in Svizzera e all'estero, o presso i commercianti che segnalano tale possibilità, entro i limiti fissati per la carta e le scelte dell'avente diritto in materia di geoblocco (cfr. punto II.5).

2. Funzione di versamento

Mediante il PIN, la carta può consentire il versamento di contanti presso i dispositivi della banca previsti a tale scopo, entro i limiti di versamento stabiliti dalla banca.

La banca non può garantire che le informazioni fornite dai dispositivi automatici, in particolare quelle relative al conto utilizzato per il versamento, siano accurate e complete.

La banca può decidere in qualsiasi momento di limitare o interrompere la funzione di pagamento.

3. Funzione di pagamento nel commercio stazionario

Mediante il PIN o la funzione di pagamento senza contatto, la carta può essere utilizzata in qualsiasi momento per il pagamento di beni e servizi nel commercio stazionario in Svizzera e all'estero, entro i limiti stabiliti per la carta e le scelte dell'avente diritto in materia di geoblocco (cfr. punto II.5).

4. Funzione di pagamento online

La carta può essere utilizzata in qualsiasi momento per il pagamento di beni e servizi online (su Internet, per telefono, ecc.), entro i limiti stabiliti per la carta.

Dal proprio e-banking, l’avente diritto alla carta può attivare o disattivare il pagamento online. In tal caso, non riceve alcuna notifica dalla banca.

A seconda dei punti di accettazione, l’avente diritto alla carta dispone delle seguenti possibilità di autorizzazione, subordinatamente all'utilizzo della carta conforme secondo le presenti condizioni:

  1. Autorizzazione mediante utilizzo di un codice 3-D Secure
    L'avente diritto alla carta deve inserire un codice in aggiunta alle condizioni che si applicano ai servizi e ai mezzi di identificazione richiesti per un pagamento con carta.

  2. Autorizzazione solo mediante inserimento del nome, del numero della carta, della data di scadenza e, se necessario e disponibile, del codice di verifica indicato sulla carta (CVV, CVC)
    In questo modo, l’avente diritto alla carta rinuncia a un'identificazione del cliente rigorosa.

  3. Autorizzazione a seguito della concessione di un'autorizzazione permanente presso un punto di accettazione
    In caso di autorizzazione permanente, il punto di accettazione della carta può, a intervalli regolari, prelevare le somme dovute a partire dalle informazioni della carta trasmesse (p. es. abbonamenti mensili, servizi online regolari).

    Quando l’avente diritto alla carta non desidera più che avvengano i prelievi regolari o desidera revocare un'autorizzazione permanente, deve farlo direttamente presso il punto di accettazione interessato. Quando la carta utilizzata per gli addebiti diretti regolari viene disdetta, è responsabilità dell’avente diritto alla carta di modificare i dati di pagamento o procedere alla revoca presso il punto di accettazione interessato.

    La banca ha il diritto di trasmettere, senza preavviso, il numero e la data di scadenza di una nuova carta a punti di accettazione presso i quali l’avente diritto alla carta avesse preventivamente autorizzato la registrazione di questo tipo di informazioni ai fini del pagamento.

5. Geoblocco

L'avente diritto alla carta ha la possibilità di bloccare le aree geografiche in cui non desidera che vengano effettuate transazioni con la sua carta. Ogni zona può essere bloccata e sbloccata dall'avente diritto a seconda delle proprie esigenze, in qualsiasi momento, tramite l’e-Banking, o, in alternativa, tramite una filiale della banca. Qualsiasi modifica sostituisce la situazione precedente.

Per impostazione predefinita, l’utilizzo della carta è possibile nelle seguenti aree geografiche: (i) Zona 01 – Svizzera e Liechtenstein, e (ii) Zona 02 – Europa.

6. PIN (= numero segreto)

Il PIN (Personal Identification Number) è una combinazione automatica di numeri legata alla carta e non conosciuta né dalla banca né da terzi. Viene ottenuto meccanicamente e trasmesso all'avente diritto alla carta in aggiunta alla carta mediante lettera separata e chiusa. Esiste un PIN per ogni carta emessa.

7. Modifica del PIN

Quando si riceve il PIN rilasciato dalla banca, si raccomanda all'avente diritto alla carta di sostituirlo con un PIN di propria scelta. Può farlo presso i distributori automatici della banca. L’avente diritto alla carta può modificare il proprio PIN in qualsiasi momento e tutte le volte che lo desidera. Per garantire una maggiore protezione contro l'uso improprio della carta, il PIN scelto non deve essere facile da indovinare (cfr. punto I.6, lettera d), né essere annotato sulla carta o conservato insieme ad essa, nemmeno in forma modificata.

8. Pagamento senza contatto

Il pagamento senza contatto è disponibile solodopo che l’avente diritto alla carta ha pagato una volta con quest'ultima inserendola in un dispositivo automatico e ha composto il proprio PIN. La disattivazione del pagamento senza contatto può essere effettuata tramite e-banking o contattando la banca.

9. Legittimazione, addebito e assunzione del rischio

Chiunque utilizzi la carta per le funzioni descritte ai punti II.1, II.2, II.3 e II.4 e si legittimi secondo le modalità specifiche previste per ciascuno di tali punti è abilitato a effettuare transazioni per mezzo di tale carta, anche se non è l’avente diritto alla carta. La banca è quindi autorizzata ad addebitare sul conto l'importo delle transazioni effettuate con la carta per le quali declina ogni responsabilità. I rischi di uso improprio della carta sono in linea di principio a carico del titolare del conto.

L’avente diritto alla carta autorizza la banca, o il suo fornitore esterno incaricato delle carte, a inviargli messaggi di sicurezza tramite il numero di telefono che avrà fornito. Si noti che questo tipo di comunicazione potrebbe permettere a terzi, come i gestori di reti e servizi, di supporre l’esistenza di un rapporto tra la banca e l’avente diritto alla carta.

La banca non è responsabile nel caso in cui un punto di accettazione dovesse rifiutare la carta o se non fosse possibile effettuare un prelievo o un pagamento. Lo stesso vale nel caso in cui l’uso della carta non fosse possibile presso un bancomat o un dispositivo automatico della banca o diventasse inutilizzabile, per esempio a causa di un danno.

10. Copertura dei danni in caso di esclusione della responsabilità

Se l'avente diritto alla carta ha rispettato in ogni punto le disposizioni contrattuali (in particolare gli obblighi di diligenza ai sensi del paragrafo I.6) e non è imputabile di alcuna colpa, la banca copre (i) i danni derivanti dall'uso improprio della carta da parte di terzi nelle funzioni di prelievo o versamento di contanti o di pagamento, nonché (ii) i danni derivanti dalla falsificazione o contraffazione della carta. Non sono considerati "terzi" gli aventi diritto alla carta e i loro coniugi, nonché le persone ad essi vicine o conviventi.

Tuttavia, non sono coperti (i) i danni coperti da assicurazione, (ii) eventuali danni conseguenti, di qualsiasi natura, e (iii) i danni derivanti da un pagamento effettuato presso un punto di accettazione della carta che non offre il metodo di pagamento sicuro (3-D Secure).

Nella misura in cui la banca ha indennizzato il titolare del conto, quest'ultimo deve cedere alla banca le proprie pretese nei confronti di terzi derivanti dal danno.

Qualsiasi avente diritto che non rispetti le disposizioni contrattuali è responsabile per eventuali danni derivanti dall'uso, anche improprio, della carta.

11. Guasti tecnici e interruzioni operative

L’avente diritto alla carta non ha diritto ad alcun indennizzo in caso di guasti tecnici e interruzioni operative che impediscano l'utilizzo della carta nelle funzioni di prelievo o versamento di denaro o di pagamento.

12. Limiti di utilizzo

La banca definisce i limiti di utilizzo per ogni carta che emette e li comunica in modo appropriato. Il titolare del conto è responsabile di informare gli eventuali procuratori dei limiti di utilizzo.

Attraverso il proprio e-banking, il titolare del conto può modificare i limiti di utilizzo della carta a esso collegata e si assume piena responsabilità in merito.

13. Giustificativo della transazione

La maggior parte dei distributori automatici di banconote emette un giustificativo al momento del prelievo di contanti. Viene inoltre emesso un giustificativo, automaticamente o su richiesta, in caso di pagamenti di beni e servizi. La banca stessa non invia alcun giustificativo della transazione.

14. Blocco

La banca può procedere in qualsiasi momento al blocco della carta, senza dover informare preventivamente l’avente diritto alla carta e senza dover fornire giustificativi.

Inoltre, la banca blocca la carta su espressa richiesta dell'avente diritto alla carta quando questi annuncia la perdita della carta e/o un problema con il PIN, nonché al momento della disdetta della carta. L’avente diritto alla carta senza procura di conto può bloccare solo le carte emesse a proprio nome.

Il blocco può essere richiesto solo al servizio designato dalla banca.

La banca ha il diritto di addebitare il conto in caso di transazioni effettuate tramite carta prima dell'entrata in vigore del blocco, tenendo conto del periodo di tempo solitamente necessario per l'esecuzione di tale operazione.

Le spese di blocco possono essere addebitate sul conto del titolare.

In caso di blocco su richiesta dell'avente diritto alla carta, il blocco è revocato solo su dichiarazione scritta di quest'ultimo indirizzata alla banca.


III. LA CARTA UTILIZZATA PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI DELLA BANCA

In caso di utilizzo della carta per altri servizi della banca, questi sono regolati esclusivamente secondo le disposizioni.